vi presento il nuovo libro di poesie

Si intitola SOLO UN ATTIMO e si tratta di 57 haiku. La casa editrice è la stessa : Edizioni del Leone e costa 10 euro.

Potete anche andare su IBS libri per aquistarlo

a giorni l’uscita in libreria del nuovo libro :


il mio banner

tra pochi giorni uscirà il mio quarto libro di poesie, si intitola  SOLO UN ATTIMO  ed è diverso dai precedenti perchè si tratta, non più di versi liberi , ma di haiku. L’haiku nasce in Giappone nel XXVII secolo ed è composto da tre versi, rispettivamente da -5-7-5 sillabe. Tradizionalmente ispirato alla natura, e dalla religione Zen.

Eccone un’ anticipazione :

1

Pioggia silente

sul borgo triste, sera

ormai è giunta.


2

Ricama stelle

e ore di ghiaccio il cielo

Novembre cupo.



41

Indaco cielo

mantello leggero oltre

nubi d’argento.



47

Le stelle alpine

roccia dolomitica

tiepido sole.





Voli Low Cost

IL CIGNO

cigni

cigni

Il cigno scivola leggero

sulla superficie del lago,

l’acqua si muove appena,

quasi una coreografia

di silenzio.

Il sole muore

all’orizzonte

e il vento nasce melodia

tra le canne della riva.

I germani reali

si alzano in volo,

piume di velluto smeraldo.

Le nuvole si specchiano

e lentamente passano

sull’acqua.

Oh, cuore divino

potessi anch’io

trasformarmi in un cigno,

danzerei sull’acqua,

e forse troverei Leda

da amare per sempre.


LA VITA

La vita non è miele,

fiore bianco

fiore bianco

è rabbia dentro i pugni chiusi.

La vita non è un film,

è un calzino coi buchi,

un camino che fuma

sul tetto di una casa..

Il materasso e la trapunta di lana,

la gente al mercato,

un’ uomo sudato.

La vita non è il petrolio nel mare,

è la natura da salvare.

La vita non è andare su Marte,

è restare qui

e giocare a carte.

E’ una strada di campagna,

il sole,

l’erba

e il vento.


SOGNO DI UNA NOTTE D’ESTATE da Verso l’alba

Sto sfiorando appena

copertina "Verso l'alba"

copertina "Verso l'alba"

la tua pelle

stai sfiorando appena

la mia pelle

ballando

nella notte sinuosa.

Vento caldo d’estate

sulle tue labbra,

chiaro di luna

nei tuoi occhi.

Sa di te la notte

del tuo odore

dell’umido calore.

Le stelle fremono

nel cielo,

e noi, abbandonati corpi

contorti

e silenziosi

ora dormiamo,

respirando piano.

Abbracciando il silenzio.

Respira anche la notte.

IL MIO CUORE

un cuore con le ali

un cuore con le ali

Il mio cuore fa quel che vuole,

non ha regole

non ha padroni ,

raccoglie solo emozioni.

Il mio cuore è come un fiore ,

che sboccia quando vuole ,

non ha stagioni ,

non ha primavere ,

non c’è pioggia che lo bagna ,

chiude gli occhi e sogna.

Il mio cuore è una giostra di colori

di suoni ,di profumi ,

di sensazioni irrefrenabili.

Il mio cuore è pietra , roccia ,

per proteggersi dal dolore ,

apre gli occhi e sogna

dove sei amore?

FORTE E FRAGILE

Non credere

che io non sia fragile,

mi basta una parola

per stare male.

Sono forte

perché la vita

non mi ha regalato niente.

Ho sempre inventato storie

per non sentirmi sola.

La vita è un’altalena

tra il male e il bene,

tra il brutto e il bello,

la follia e la ragione.

L’equilibrio

è un’equazione,

che non sempre riusciamo a risolvere.

Siamo come le lucertole,

ci stendiamo al sole,

per poterci scaldare,

e se ci prendono per la coda

la lasciamo,

ne crescerà un’altra,

e ricominceremo.

COLORI D’OTTOBRE da Forte e fragile

Brillano le foglie d’acqua

sulla solitaria strada.

Silenziosi crepuscoli

si accendono su ogni foglia rossa.

Marrone ardente

si brucia e diventa quasi nero

vicino all’erba ancora verde.

Giallo sole

lucente calore

si fonde nel nocciola

riflesso che muore

e riaffiora,

nell’ombra-luce.

Funghi camuffati di foglie

per non dare nell’occhio

fanno la loro comparsa

un po’storti

attaccati ad un albero.

L’aria racchiude i profumi dell’autunno

e mi porta i suoni del fiume.

Sulla via del ritorno

sole e granturco

davanti a me.

CIELO D’ APRILE

Nuvole plumbee,
in questo cielo d’aprile.
Il sole è appena scomparso
e sembra già che stia per piovere.
Lo sguardo si perde oltre l’orizzonte.
Il sole è appena scomparso,
ma mi manca già,
come la gioia
quando scompare,
e lascia un vuoto nel cuore.
E’ un cielo plumbeo,
questo cielo d’aprile.
Ora che piove,
sulla terra arata,
sulla vigna curata,
sull’erba, e sui fiori di ciliegio,
che cadono ,
silenziosi e bianchi.
Un vento freddo,
brividi sulla mia pelle,
che non conosce carezze.
Ma forse domani tornerà il sole,
tornerà a sorridere
questo cielo d’aprile.

ASCOLTA IL SILENZIO

Spegni la TV,

quello che dice

non mi importa più,

voglio ascoltare il silenzio.

Ascolta il silenzio,

siedi e chiudi gli occhi,

lascia che i tuoi pensieri

scivolino fuori,

come l’acqua da una corolla

dopo la pioggia.

Il giorno sta finendo,

il sole si è chiuso piano

alla spalle,

la porta della sua stanza,

al margine del cielo.

Ascolta il silenzio,

senti il profumo del fieno,

che l’aria porta fin qui.

Anche le rondini

sono andate a dormire,

hanno cessato il loro andirivieni.

Voci precedenti più vecchie Prossimi Articoli più recenti

Categorie